Eloisa Mura

DIARIO DI SARDEGNA
DEL CONTE FILIPPO DOMENICO BERAUDO DI PRALORMO (1730-1734)




Anno: 2009

Collana: Agorà [42]

Formato: 15,5x21 cm

ISBN: 978-88-95462-23-3

 

SOMMARIO

Pagine: 272

Prezzo: € 60,00

Argomento: Storia


CD-ROM ALLEGATO


Il libro:
Il conte di Pralormo, inviato nell’isola dal re Vittorio Amedeo II, in tre anni di soggiorno a Cagliari, in qualità di reggente la Reale Cancelleria, la più alta carica giudiziaria del Regno, tiene un diario det-tagliatissimo in cui raccoglie appunti di lavoro, descrizioni di ambienti, cronache di cerimonie civili e religiose, commenti a vicende pubbliche e private. Le annotazioni sugli affari di Stato si fondono con quelle riguardanti il cibo, il maltempo, i malesseri personali.
In tremila pagine descrive la vita sociale e le questioni di governo assieme alle indagini sui protagonisti di un banditismo sardo in piena espansione eversiva, sobillato da filoaustriaci e filospagnoli, violentissimo e dilagante in decine di villaggi della Sardegna settentrionale, insanguinati da vendette e lotte di potere. Gli inizi degli anni Trenta del Settecento rappresentano per la classe dirigente piemontese l’amara scoperta di una Sardegna fortemente arcaica e intrisa di cultura di governo ancora spagnola, lontana dalla concezione assolutista e sabauda dello Stato.
Il conte è un uomo dalle molte virtù: colto, competente in diritto, rigoroso e religioso, tra i più insigni esponenti della nobiltà subalpina di antico lignaggio, al servizio di uno Stato piccolo, efficiente e guidato con polso fermo dal sovrano, secondo i principi del buon governo, messi a dura prova nell’isola dalla forza centrifuga di potenti feudatari e da un esteso foro ecclesiastico. Il conte di Pralormo, incaricato segretamente dal sovrano di verificare la correttezza e l’onestà del viceré, lo assolverà alla fine di un’accurata indagine svolta con tatto e diplomazia.
La ricercatrice Eloisa Mura ha trascritto e commentato, con un ampio studio critico, questo eccezionale documento (concesso in tale occasione dall’archivio privato Beraudo di Pralormo), riprodotto integralmente nel cd-rom allegato al presente volume.

Autore: Eloisa Mura (1976), dottore di ricerca in Storia e comparazione delle istituzioni giuridiche e politiche europee presso l’Università di Messina, è attualmente assegnista di ricerca presso il Dipartimento di Storia dell’Università di Sassari.

© AM&D EDIZIONI
Vietata la copia e la distribuzione, anche parziale, senza la previa autorizzazione scritta.