Salvatore Loi 

Sigismondo Arquer, 
un innocente sul rogo dell'Inquisizione

Cattolicesimo e protestantesimo 
in Sardegna e Spagna nel '500


ESAURITO

Anno: 2003

Collana: Agorà [23]

Formato: 15,5x21 cm

ISBN: 88-86799-83-7

Pagine: 408

 

SOMMARIO

Illustrazioni: 14

Prezzo: € 28,00

Argomento: Storia

 


Il libro:
Sigismondo Arquer, (Cagliari 1530-Toledo 1571), giurista, teologo e alto funzionario, bruciato vivo sul rogo, in seguito alla condanna come eretico inflittagli dal Tribunale dell'Inquisizione spagnola. Dopo essersi laureato a Pisa e a Siena in diritto e teologia, vive tra la Sardegna e l'Europa continentale, attraversata dalle tensioni religiose della riforma protestante. La famiglia Arquer si schiera nell'isola con il viceré Antonio de Cardona, contrastando l'Inquisizione e le grandi famiglie feudali che giocano la partita per il controllo del potere con arresti, assassini e false accuse di stregoneria.
S. soggiorna per mesi in Svizzera, accolto dalla Fondazione Erasmo e in seguito raggiunge l'imperatore Carlo v a Bruxelles e ad Augusta. Scrive la Sardiniae brevis historia et descriptio in cui critica il tribunale inquisitoriale e il clero dell'isola. Nel suo ultimo soggiorno a Madrid è arrestato per ordine dell'inquisitore generale, imprigionato e processato a Toledo. Viene accusato di aver frequentato ambienti protestanti e di aver espresso idee eterodosse. Durante gli otto anni di detenzione, dal 1563 al 1571, Arquer tenta la fuga, si difende negando le accuse, ma alla fine, dopo la tortura, arriva la condanna.
L'Autore ha ricostruito la complessa biografia intellettuale e il processo (sul quale si è riaperto negli ultimi anni il dibattito storiografico) fino alle ore cruciali dell'autodafé e della salita al rogo: S. dichiara, con supremo coraggio, la sua innocenza e rifiuta di riconoscersi colpevole proclamando che, per fedeltà alla propria coscienza, è disposto a morire anziché mentire, «nonostante le dichiarazioni di centomila testimoni e le condanne di centomila giudici».
Vengono pubblicati per la prima volta numerosi documenti inediti: 16 lettere degli inquisitori, una parte degli atti processuali e l'ultimo memoriale scritto da Sigismondo Arquer.

L'autore:
Salvatore Loi (Quartucciu 1943) ha insegnato teologia presso la Pontificia Facoltà Teologica della Sardegna. Autore di saggi di storia e di teologia, tra gli altri i volumi: Cultura popolare in Sardegna tra '500 e '600. Chiesa, famiglia e scuola, AM&D, Cagliari 1998; Inquisizione, magia e stregoneria in Sardegna, AM&D, Cagliari 2003.

© AM&D EDIZIONI
Vietata la copia e la distribuzione, anche parziale, senza la previa autorizzazione scritta.